Darby O’Gill e il Re dei Folletti

Titolo originale: Darby O’Gill and the Little People

Anno: 1959

Regia: Robert Stevenson

Interpreti: Albert Sharpe, Janet Munro, Jimmy O’Dea, Estelle Winwood, Sean Connery

Dove trovarlo: Disney Plus

Darby O’Gill (Albert Sharpe) è un simpatico vecchietto irlandese che passa le sue giornate al pub a raccontare storie su delle piccole creature magiche, i Leprecauni (che nella traduzione italiana sono divenuti “folletti”), di cui gli è anche capitato di incontrare il dispettoso sovrano Brian (Jimmy O’Dea), che lo ha ingannato ed è fuggito. Ora però Darby ha davvero bisogno di vedere esauditi i suoi tre desideri, perché il padrone della tenuta lo vuole licenziare per sostituirlo con un aitante giovanotto, Michael McBride (un giovanissimo Sean Connery), mentre la sua bellissima figlia Katie (Janet Munro) non vuole saperne di trovar marito…

Non avendo mai visto questo film l’ho iniziato aspettandomi qualcosa di simile a La Gnomo-Mobile, lungometraggio Disney diretto sempre da Robert Stevenson (il regista di capolavori come Mary Poppins e Pomi d’Ottone e Manici di Scopa) che purtroppo non è disponibile su Disney Plus. La Gnomo-Mobile, girato pochi anni dopo Darby O’Gill e il Re dei Folletti, ha come protagonisti i due bambini di Mary Poppins, Karen Dotrice e Matthew Garber, che trovano per caso due gnomi nel bosco e insieme al nonno li aiutano a trovare altri gnomi (e soprattutto gnome) per non essere più soli: si tratta di un classico film Disney con canzoni, scene divertenti, buoni sentimenti e lieto fine. Lo stesso si può dire di Darby O’Gill, che presenta le stesse caratteristiche, mescolate però con elementi più adulti: il risultato è Un Uomo Tranquillo (celebre film con John Wayne e Maureen O’Hara) in salsa Disney, una miscela davvero speciale che personalmente ho trovato divertentissima. Non molto adatto ai bambini, che si divertiranno sicuramente con la splendida scena dell’incursione di Darby nel regno dei Leprecauni ma troveranno il resto noioso oppure spaventoso (la banshee urlatrice che annuncia la morte imminente, il carro funebre del mietitore senza testa…). Per un adulto invece è un vero gioiellino. La trama non presenta grandi sorprese e il lieto fine è telefonato dall’inizio, ma gli inganni di Re Brian, il corteggiamento di Michael alla ritrosa Katie e la scazzottata finale nel pub (proprio come quella epica di Un Uomo Tranquillo) garantiscono un simpaticissimo intrattenimento. Gli effetti speciali dell’epoca funzionano ancora nel mostrare nella stessa inquadratura le piccole creature e gli esseri umani, e ancora meglio con la spaventosa banshee e l’inquietante carro della morte. Sean Connery, qui agli inizi della sua carriera, offre una bellissima interpretazione del giovane tosto ma innamorato e canta con Janet Munro la canzone Pretty Irish Girl. Simpaticissima anche Estelle Winwood (l’infermiera di Elsa Lanchester in Invito a Cena con Delitto) nei panni della vecchia pettegola maneggiona del paese. La Disney impostò la campagna pubblicitaria per il film sull’idea che i Leprecauni fossero veri, tanto che dopo i titoli di testa compare un ringraziamento di Walt Disney a Re Brian per la sua collaborazione. Consiglio a tutti la visione di Darby O’Gill e il Re dei Folletti, anche perché in passato proprio questo film ha dato collateralmente il via ad una delle saghe cinematografiche più longeve e amate di sempre. Infatti il produttore Albert R. Broccoli volle vedere Darby O’Gill al cinema per valutare se il giovane protagonista fosse adatto per il grande progetto cui lui e Harry Saltzman stavano per dare inizio…

Voto: 4 Muffin

Aladdin

Anno: 2019

Regia: Guy Ritchie

Interpreti: Mena Massoud, Naomi Scott, Marwan Kenzari, Navid Negahban, Will Smith, Billy Magnussen

Dove trovarlo: Disney Plus

Lo spietato Jafar (Marwan Kenzari), il Gran Visir del sultano (Navid Negahban), trama per conquistare il trono di Agrabah. Per riuscirci deve impossessarsi della lampada magica, che però solo il “diamante allo stato grezzo”, un uomo dall’animo puro, può toccare. Così convince il ladruncolo di strada Aladdin (Men Massoud) a recuperarla per lui, cercando poi di uccidere il ragazzo, che però si salva e si tiene anche la lampada, da cui esce un Genio magico blu (Will Smith) che si mette al suo servizio: esaudirà per lui tre desideri. Aladdin non ha dubbi su cosa chiedere: il genio può aiutarlo a conquistare il cuore della bella principessa Jasmine (Naomi Scott).

Ormai siamo tutti rassegnati: i remake in live-action dei grandi classici Disney non si fermeranno. Anche se fino ad ora nessuno di questi mi ha incantata, mi sono avvicinata a Aladdin con una certa curiosità, soprattutto per vedere come se la sarebbe cavata Will Smith nei panni blu del Genio, che nel cartone animato del 1992 era stato magistralmente doppiato da Robin Williams (in italia la sua voce era del bravissimo Gigi Proietti). Per quanto mi riguarda Will Smith ha fatto un ottimo lavoro in questo film, anche se la CGI non permette tutta la pazza libertà che davano invece carta e matita, quindi il Genio è risultato un pochino più ingessato di come me lo aspettavo, scevro anche delle citazioni anacronistiche di cui il cartoon invece era pieno. Lo stesso vale per tutti i personaggi non umani del film: la scimmietta Abu, il pappagallo Jago, la tigre Raja e il tappeto volante; per quanto la tecnologia della computer grafica sia sempre più sofisticata, questo non li può rendere simpatici come lo erano nel cartone animato. Questo può essere un limite del mezzo scelto, ma altre differenze tra il cartone animato e il film (che ovviamente non possono non esserci, per quanto la Disney possa tentare di ricalcare i suoi cavalli di battaglia alla perfezione) invece derivano da scelte deliberate e molte di queste mi hanno lasciata perplessa. Chiunque abbia frequentato le produzioni Disney più recenti (non solo i lungometraggi ma anche le serie animate come La Dottoressa Peluche, La Principessa Sofia, Jake e l’Isola dei Pirati eccetera) non può non aver notato che ormai i villains stanno scomparendo dall’universo Disney (tranne quelli storici che sono un must del reparto merchandising), rimpiazzati da antagonisti che non sono davvero cattivi cattivi, tuttalpiù sono un po’ egoisti e dispettosi, ma alla resa dei conti sono simpatici e pronti a redimersi. I motivi di questa linea d’azione derivano secondo me dal desiderio di essere politically correct e di insegnare ai bambini (e non solo a loro) la tolleranza e il perdono. Questa è una tendenza generale cui i live-action aderiscono pienamente e non voglio dire che sia ideologicamente sbagliata, ma non la trovo drammaturgicamente valida. Alfred Hitchcock diceva che serve un cattivo terrificante per fare un bel film, e credo che lui ne sapesse qualcosa: come può un film, d’animazione o meno, essere emozionante e coinvolgente se i protagonisti non sembrano mai essere davvero in serio pericolo e se i cattivi non sono poi così tanto malvagi ma hanno solo avuto una brutta giornata? Il capo delle guardie di Agrabah, per esempio, che nel cartone era grande, grosso e cattivo, qui invece, alla fine, si redime e si schiera anche lui contro Jafar, in virtù di un passato di fedeltà e dedizione al sultano di cui non si era mai parlato prima. Lo stesso Jafar non è nemmeno lontanamente spaventoso come quello del cartone, e ci viene anche raccontato come da giovane lui stesso fosse un ladruncolo da strada proprio come Aladdin. Questo permette di inserire un paio di scene di “borseggio” divertenti, ma in definitiva non è che un voler fornire una giustificazione alla sua cattiveria, oltre che il più squallido dei “io e te in fondo siamo uguali!” detto dal cattivo al buono prima dello scontro finale. Viene poi da chiedersi come sia stato possibile per un borseggiatore di strada diventare il primo consigliere del sultano… Vengono poi eliminate molte scene che potevano forse creare troppa ansia: Jasmine non viene intrappolata in una clessidra gigante ma semplicemente viene detto alle guardie di portarla via, cosicché possa facilmente liberarsi e cantare la nuova canzone aggiunta apposta per lei, che la trasforma (nelle intenzioni di Guy Ritchie) da donna oggetto del desiderio a donna d’azione (paradossalmente Jasmine mostrava molta più intraprendenza nel cartone animato); Aladdin non viene messo in prigione e condannato a morte, il che rende il suo ritorno nei panni del principe Alì molto meno d’impatto. Ma quello che secondo me è il cambiamento meno riuscito è il fatto che Jasmine non desideri sposarsi perché ritiene che la carica di sultano spetti a lei stessa: nonostante il suo desiderio di aiutare il suo popolo sia encomiabile, non riesco a convincermi che affidare il trono ad una ragazza che non ha mai lasciato il suo palazzo e che ha mostrato di non sapere che il pane, al mercato, bisogna pagarlo, non mi sembra essere una gran buona idea. Ma, come anche Frozen ci insegna, ormai i personaggi maschili della Disney non possono che aspirare al ruolo di “principe consorte” e nulla più. E a proposito di principi, peccato che non sia stata assegnata una canzone anche al principe pretendente Anders, perché in Into the Woods Billy Magnussen ha mostrato un gran talento canoro e una grande ironia che avrebbero fatto comodo anche a questo film. Nel complesso poi il film si lascia vedere e il tempo passa in fretta, gli attori se la cavano bene anche col canto e le canzoni sono nel giusto numero e non troppo diverse da quelle originali che tanto amiamo (ovviamente il principe Alì non possiede più “schiave che non sono mai stanche”) e l’effetto nostalgia funziona. Funziona così bene che fa venire moltissima voglia di rivedere il cartone del ‘92 oppure qualche film molto meglio riuscito di Guy Ritchie, come ad esempio i due Sherlock Holmes con Robert Downey Jr. oppure Snatch.

Voto: 2 Muffin

Amici Miei – Recensione in Versi

Anno: 1975

Regia: Mario Monicelli

Interpreti: Ugo Tognazzi, Duilio Del Prete, Philippe Noiret, Gastone Moschin, Adolfo Celi, Milena Vukotic, Bernard Blier

Dove trovarlo: (fortunatamente) recuperato nella cantina dei miei cofanetto con tutti e tre i capitoli

Per chi non avesse mai visto il film Amici Miei

Questo classico della commedia mi accingo a presentare

E per far questo opportuno riterrei

Proprio dal suo celebre regista incominciare:

I Soliti Ignoti, La Grande Guerra, L’Armata Brancaleone

Altri famosi successi del grande Mario Monicelli

Al cinema italiano ha dato più di una lezione:

Nessuno ha diretto classici più divertenti di quelli.

Se alla regia c’è un maestro, occhio alla sceneggiatura:

Pietro Germi, regista dello spassoso Divorzio all’Italiana

Insieme ad altri tre ci mette inchiostro, esperienza e bravura

Per creare un capolavoro della commedia nostrana.

Amici Miei è ambientato nella splendida Firenze,

Le amichevoli avventure han come sfondo l’Arno

Mi sentirete forse abusare di poetiche licenze

Per sciacquare i panni, che il film di volgarità certo non è scarno.

Quattro amici, che in breve cinque diverranno

Compagni di scuola, di vita e di caserma

Serietà, vergogna e pudore non ne hanno

Perchè, come si sa, è perduto chi si ferma.

Il primo personaggio a comparire è il narratore,

Perozzi Giorgio, redattore di un quotidiano

Philippe Noiret è il nome dell’attore

“Se mio figlio è la carne della mia carne, io divento vegetariano”.

Dell’attore francese già a noi è noto il viso,

Ha interpretato con Massimo Troisi Il Postino

E poi con Nuovo Cinema Paradiso

Grazie a Tornatore è diventato un beniamino.

Il Perozzi, terminato il lavoro sul far del giorno

Sente che una colazione con brioche è più che meritata

Ma poiché a casa non vuole far ritorno

Rimonta in macchina, e parte la zingarata.

A quell’ora del mattino però ogni amico è tranquillo

Senza grilli per la testa a dormire nel suo letto

Tranne il Melandri, trascinato dal mastodontico Birillo,

Il cane della moglie, alla ricerca di un frondoso gabinetto.

Il secondo amico mio è Rambaldo Melandri, di professione architetto

Da Gastone Moschin interpretato

Divenuto schiavo sotto il suo stesso tetto

Di una donna che al legittimo marito ha rubato.

Segue il racconto di questa sua sventura,

Che l’ha portato a prendersi in casa quella donna

Quando dopo l’ennesima sgangherata avventura

Scambiata l’aveva addirittura per la Madonna.

“Mai avevo visto donna più bella!”

Disse agli amici, suoi coinquilini all’ospedale

“Non posso pensare che a Donatella!”

Peccato che il marito sia un chirurgo di fama mondiale:

Il Professor Sassaroli (mitico Adolfo Celi), barone della sanità fiorentina,

Della moglie e del Melandri scopre la tresca

Ma a sorpresa acconsente a cedere la mogliettina,

Insieme però alle bimbe, al cane e alla tata tedesca.

Altri due amici mancano da presentare:

Duilio del Prete è il barista Necchi

Nel cui locale si trovano a giocare

I quattro amici più cari e vecchi.

Infine non resta che il conte Mascetti

Cui dà volto il grande Ugo Tognazzi:

sebbene abbia innumerevoli difetti

Tutti quanti per lui vanno pazzi,

Dalla moglie (Milena Vukotich), poveretta,

Maltrattata, ingannata e tradita,

All’amante, Titti, la scolaretta

Lesbica con un solo uomo nella sua vita.

Il conte Mascetti un tempo era ricco assai

ma l’intera fortuna, sua e della moglie, l’aveva sperperata

così molto spesso si ritrova nei guai

ma ne esce sempre con la Supercazzola prematurata.

Nemmeno l’ospedale i nostri amici fiacca,

Non temono ingessatura nè medicina

Affrescano il soffitto con la cacca

E con il turpiloquio fanno impazzire la pinguina.

Ogni disavventura si trasforma in opportunità:

Davanti ad una (falsa) gobba l’amante appiccicosa scappa via;

Mascetti vende il gesso e il certificato d’invalidità

Molto più facilmente di un’enciclopedia.

Ormai che anche il Sassaroli fa parte della banda

È giunto il momento di avviare il motore

E senza meta a zingarare per la landa

Sempre omaggiando la “Bella Figlia dell’Amore”.

La prima tappa ovviamente è alla stazione

A tirare schiaffi ai viaggiatori in partenza

E se il vigile tenta una contravvenzione

Il Mascetti con la Supercazzola risolve la vertenza.

Nel piccolo paesino arrivano poi tutti fieri

E ne annunciano agli increduli abitanti la distruzione

“Scusate noi siamo tutti ingegneri:

Dove ora c’è la chiesa ci sarà la circonvallazione

Al posto delle case passerà l’autostrada”

Tutti sono ormai affacciati alla finestra

“Ancora non si sa bene dove vada

Ma di certo avrà lo scappellamento a destra”.

“Che cos’è il genio?” domanda quindi lo scribacchino

“E’ fantasia, intuizione, precisione…” 

Nel riempire fino all’orlo il vasino di un bambino

“…e velocità d’esecuzione!”

Entra ora in scena Bernard Blier con lo sgradevole Niccolò Righi

Impenitente ladro di cannoli

Costretto a subire gli intrighi

Dei quattro amici, più il Sassaroli.

Inizialmente è un piccolo raggiro:

Lo fanno scappare con la droga, zucchero in bustina

Ma lui torna, vuole entrare nel giro…

E allora si mette in scena una bella recitina.

I nostri si fingono un clan della malavita

Mettono una pistola in mano al poverino

E quando ormai la recita è finita

Inscenano una strage di San Valentino.

Un film come questo oggi non si potrebbe mai girare:

gli amici miei non son certo personcine coi fiocchi!

Immaturi, misogini, cinici, senza alcuna voglia di cambiare

“Come si sta bene tra uomini, perché non siamo nati tutti finocchi?”.

Il film è spassoso ma ha un finale amaro:

Infatti il Perozzi alla fine muore

Non di risate nè per uno sparo

Ma per uno spietato attacco di cuore.

Perozzi sa che il suo momento è arrivato,

Chiama a sé il prete per la benedizione

Ma invece che confessare ogni suo peccato

Sceglie una gran Supercazzola come degna conclusione.

Spero non vi abbia deluso questo mio componimento

A farlo io mi sono divertita un mondo

E se per caso è stato di vostro gradimento

Vi aspetto di nuovo qui per Amici Miei – Atto Secondo.

Voto: 4 Muffin

Ancora complimenti a Vincenzo per aver risolto il mio ultimo enigma! Grazie per aver giocato, spero che il premio sia di tuo gradimento 🙂

Big Eyes

Anno: 2014

Regia: Tim Burton

Interpreti: Amy Adams, Christoph Waltz, Krysten Ritter, Terence Stamp, Jason Schwartzman

Dove trovarlo: RaiPlay

Tratto dalla storia vera della pittrice Margaret Keane, che negli anni ‘60 ha dovuto sostenere una durissima battaglia legale contro il marito per riappropriarsi dei diritti delle proprie opere, i quadri da lei dipinti che ebbero enorme diffusione e successo negli anni ‘50 ma che il marito reclamava come proprie creazioni. Il titolo del film deriva dalla caratteristica principale dei ritratti di Margaret, tutti raffiguranti bambini e bambine dai grandissimi occhi.

Incredibile come talvolta realtà e finzione si integrino alla perfezione. L’ambientazione di Big Eyes, infatti, ricorda moltissimo quella rappresentata da Tim Burton in molti dei suoi film. Forse quello più indicativo in questo caso è Edward – Mani di Forbice e della sua provincia americana a tinte pastello con casette a schiera, giardini curati e staccionate bianche, dove però l’aspetto idilliaco nasconde in realtà i sentimenti più meschini; lo stesso si può dire di Walter Keane (interpretato egregiamente da Christoph Waltz, che non smentisce la sua fama di villain perfetto), il marito, così generoso e galante ma in realtà egoista e menzognero fin dall’inizio. E i ritratti di bambini dai grandi occhi sproporzionati ricordano moltissimo i personaggi dei film in stop-motion del regista, come Nightmare Before Christmas (di cui in realtà è solo produttore ma che si può senz’altro considerare una sua creazione) e La Sposa Cadavere. Non è dunque una sorpresa apprendere che il regista stesso è appassionato e anche collezionista dei quadri di Margaret Keane. Impossibile quindi pensare ad un diverso regista per raccontare la storia vera, tribolata ma a lieto fine, della pittrice Margaret Keane, interpretata magistralmente da Amy Adams, bravissima a rendere tanto il lato fragile e sottomesso quanto quello sicuro e determinato del suo personaggio. Pur trattandosi della biografia di un’artista il film non ha mai un momento noioso grazie alla ricchezza con cui sono caratterizzati i personaggi principali e alla felice abbondanza di comprimari di lusso: Terence Stamp temibile critico d’arte; Jason Schwartzman intransigente gallerista modaiolo; Krysten Ritter, finalmente libera dal chiodo nero di Jessica Jones, in veste chiacchierona e sbarazzina. Nei titoli di coda viene raccontato cosa accadde realmente dopo il processo Keane vs. Keane e si scopre che la stessa Margaret Keane, ancora oggi in vita e ancora in attività all’epoca del film, ha dato il suo contributo incontrando personalmente Amy Adams. Un gran bel film adatto ai fan di Tim Burton ma anche a coloro che normalmente lo evitano; una piacevolissima occasione per scoprire qualcosa di più sulla storia dell’artista Keane ma anche del regista Tim Burton, evidentemente influenzato dalle sue opere fin dall’inizio.

Voto: 4 Muffin