The Witcher

La serie è tratta da una serie di libri e da un videogioco

Ma io non li conosco nemmeno un poco

Però dei 6 episodi di The Witcher vi parlerò lo stesso

Facendo con la mia deontologia un compromesso

Perchè a vedere questa serie mi ha spinto, ve lo dico

Il fatto che il protagonista sia un gran… bell’uomo!

Chi ha in programma una visione futura

meglio che interrompa subito la lettura

perché sto per raccontare tutto, il brutto e il bello

come farebbe un pedante menestrello.

Per prima cosa io non la capisco questa odierna mania

Di stravolgere sempre la cronologia:

Vediamo prima quello che succede dopo

E di questa confusione davvero mi sfugge lo scopo.

Cerchiamo però di chiarire la confusione

Con questa esplicativa illustrazione.

Vi presento Geralt di Rivia, che è il protagonista

Nei suoi panni Henry “Superman” Cavill è una gran bella vista

Lui è un “witcher”, essere umano modificato

Cui forza, magia e occhi color canarino hanno donato

Ha poi superato un duro addestramento

E ora con la spada è un vero portento.

Britannicamente lo chiamo “Witcher” ma vi prego,

Proprio non si può sentire l’italiano “Strego”…

Contro ogni mostro che vede Geralt si scaglia

Un po’ per eroismo ma soprattutto per la taglia

E così si sposta sempre tra i villaggi

Eliminando mostri e altri brutti personaggi.

Lo Strigo non teme colpi nè ferite:

Per abbatterlo ci vorrebbe la Kryptonite!

Mentre Geralt viaggia per il mondo bel bello

Gli si appiccica alle costole Ranuncolo, un menestrello.

Chi gioca a D&D sa che liberarsi di un bardo

È come cercare di smacchiare un leopardo

E alla fine Geralt deve abbassare la testa

E rassegnarsi a quella compagnia molesta.

Lo strano duo si ritrova in un banchetto

In cui un marito per la figlia dalla sovrana verrà eletto

Stranamente nessuno ha tanta fretta

Di maritarsi con la principessa Bavetta

(Ormai lo avete capito che la nomenclatura

Non è certo il punto forte di questa sceneggiatura).

Come dice il proverbio: “Regina Calante

Procura al suo regno pericolo costante”.

A farsi avanti come futuro genero

È un uomo-porcospino dal musetto tenero

Ma dagli aculei assai affilati

(caspita i gusti delle principesse come sono cambiati!)

Che afferma: “Mia regina, è vero amore il nostro!”

E lei per tutta risposta: “Ammazzate quel mostro!”

“Non ho certo intenzione di cambiare pannolini

A dei nipotini tutti pieni di spini!”

Nel parapiglia il Witcher con il riccio si è schierato

E in breve ogni avversario è stato liquidato.

La conclusione di questi drammatici eventi

È che tutti o son morti o son felici e contenti.

Il Witcher viene ricompensato per la sua valorosa impresa

Tramite la famosa legge della sorpresa:

Ora può reclamare la proprietà

Di un bene del riccio di cui lui ancora non sa…

È un po’ come aprire della Kinder un ovetto

E divenire padrone di un misterioso oggetto…

Ma lasciamo per un momento lo strigo da parte

E conosciamo la femminile controparte:

La cozza Yennefer cui tutto va male

Venduta dal patrigno per meno di un maiale

Che si ritrova tuttavia

In una scuola di magia

Nella cui cantina sta nascosto un mago di colore

Con cui per la prima volta può fare l’amore.

Yen ha di portali magici infinite riserve

Ma non li usa mai e poi mai quando serve.

Siccome è passata la moda delle streghe brutte 

E ora reginette di bellezza devono essere tutte

Con un incantesimo e una messinpiega

Ora Yennefer è una bellissima strega

E poiché la bellezza apre tutte le porte

Può finalmente diventare maga di corte.

Presto però si annoia e cerca nuovi fini

Come ad esempio vendere Viagra ai contadini.

Intanto sono passati gli anni

E la regina Calante continua a far danni

E si è messa davvero d’impegno

Per portare la guerra sul suo regno.

Il Witcher torna per la sua misteriosa ricompensa

Che è una bambina, ma tu pensa!

Tutti la cercano, ha dei magici poteri

E scopriamo oggi quel che è successo ieri.

Il buon Sacco Di Topo (è il suo nome, lo giuro!)

Cerca di mettere la bambina al sicuro

E lo strigo ormai sa cosa deve fare:

La sua bambina a sorpresa deve trovare.

Specchio specchio delle mie brame,

Lasciamo perdere tutte le sottotrame

Soltanto una la raccontiamo, ma non tutta

Perché, accidenti se è brutta.

La caccia al drago a squadre sulla montagna

Per i giocatori di ruolo una vera cuccagna:

Ha delle groupie il drago dorato

E il paladino finisce ammazzato

Da chi non lo si capisce bene

Ma per le sottotrame gli sceneggiatori non si danno troppe pene.

A noi serve solo per capire

Che il Witcher senza l’amata Yennefer non riesce a dormire.

Alla fine di tutto c’è una grande battaglia

Tutti i maghi combattono sulla muraglia

Yennefer finalmente mostra tutta la sua gloria

E la sua potenza, poi sparisce dalla storia.

Sappiamo già che Geralt la cercherà sul serio

Perchè a lei l’ha legato il genio con un desiderio.

“Ehi Ciri” dice lo Strego “c’è una strega nei dintorni?”

Noi intanto speriamo che nella seconda stagione ritorni!

GroupWatch

La piattaforma streaming Disney Plus da qualche tempo ha messo a disposizione dei suoi abbonati uno strumento per la visione di contenuti condivisa di nome GroupWatch.

Che cos’è? 

GroupWatch permette di creare per un qualsiasi contenuto della piattaforma una sessione di streaming e di invitare fino a 6 persone che abbiano a loro volta un account Disney Plus a parteciparvi. 

Come funziona?

GroupWatch genera un link da inviare ai partecipanti i quali non dovranno far altro che cliccarci sopra all’orario stabilito. Quando il creatore del gruppo premerà “Avvia streaming” il film inizierà simultaneamente per tutti i partecipanti. Allo stesso modo, se qualcuno vorrà mettere in pausa o scorrere avanti o indietro, lo stesso succederà per tutti gli altri, così da permettere delle “pause pop-corn” condivise. Infine tutti i partecipanti possono inviare durante la visione delle emoticon che appariranno a tutti in un angolo dello schermo per esprimere il proprio stato d’animo durante una particolare scena.

Ma funziona?

Ecco, insomma. I problemi derivano dall’interazione tra diversi dispositivi, in quanto a Disney Plus si può accedere tramite pc, smartphone o televisore. Ma come è possibile cliccare un link dal televisore? Bisogna dunque farlo da un altro dispositivo, ma poiché non è possibile effettuare due accessi simultanei con lo stesso account nemmeno questo funziona, se si vuole vedere il film sullo schermo della tv. GroupWatch funziona anche tra utenti che condividono uno stesso account, ma con le stesse problematiche nella gestione dei diversi dispositivi. Inoltre GroupWatch non è, almeno non ancora, uno strumento completo, perché necessita comunque della mail per inviare il link agli invitati; inoltre, nell’orario stabilito, viene spontaneo contattarsi in ogni caso per accertarsi di essere tutti presenti e attenti (io per esempio non avevo finito di prepararmi il tè e ho fatto slittare l’inizio di qualche minuto).

La mia esperienza

Finora ho provato a usare GroupWatch solamente una volta, per vedere Onward (di cui arriverà dunque recensione a breve) con una coppia di amici. Ho inviato la mail con il link generato da GroupWatch e mi sono accordata sull’orario. Al momento di iniziare lo streaming la situazione era molto simile a quelle delle videochiamate cui ci siamo dovuti purtroppo abituare: “Ci siete?” “Non vi vediamo connessi” “Come si clicca un link dal televisore??” “Stavamo cambiando dispositivo e abbiamo perso l’inizio” “Ricominciamo da capo” “Si è bloccato tutto”. Conclusione? Abbiamo tutti abbandonato GroupWatch, ciascuno ha selezionato il film e per telefono ci siamo detti: “Pronti? Tre, due, uno…via!” Le faccine ce le siamo mandate su WhatsApp.

Conclusione

L’idea secondo me è molto carina, forse bisogna solo capire meglio come funziona lo strumento. In questo momento particolare, in cui non è possibile vedere un film con gli amici né in sala e nemmeno sul divano di casa, io ho trovato molto simpatica questa idea per la condivisione, quindi farò sicuramente dei nuovi tentativi con GroupWatch.

La Signora Scompare

Titolo originale: The Lady Vanishes

Anno: 1979

Regia: Anthony Page

Interpreti: Angela Lansbury, Cybill Shepherd, Elliot Gould

Dove trovarlo: Amazon Prime

Ci troviamo nella Germania nazista, appena prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale: la bella Amanda (Cybill Shepherd), giovane e ricca americana molto chiacchierata per il suo gran numero di matrimoni dalla breve durata, si trova a viaggiare in treno accanto alla signora Froy (Angela Lansbury), una simpatica e premurosa tata inglese. Amanda, ancora provata dalla sbornia della sera precedente, si addormenta, e al suo risveglio la signora Froy è sparita. Non solo, ma nessuno dei passeggeri e dei membri dello staff ricorda di averla mai vista nè di aver mai parlato con lei. Fermamente convinta che la signora Froy sia nei guai, Amanda, aiutata dal giornalista Robert (Elliot Gould), si mette alla sua ricerca.

Dopo circa trent’anni, ho ritrovato la signora che avevo perso! Eh sì, perchè io da piccolina avevo iniziato a vedere questo film ma non avevo visto la fine (probabilmente per me era arrivata l’ora della nanna) e non ero mai più riuscita a vederlo, nonostante lo avessi cercato tanto. Nella mia ricerca naturalmente ho scoperto che da questa storia, tratta dal romanzo The Wheel Spins della scrittrice britannica Ethel Lina White, erano stati tratti anche altri film, tra cui La Signora Scompare di Alfred Hitchcock, ma per me non sarebbe potuta essere la stessa cosa. Infatti, quello che mi aveva colpito da piccola, era che a sparire nel nulla fosse stata proprio Angela Lansbury, che nel film interpreta Miss Froy ma che per me era Jessica Fletcher: insomma, se scompare la signora in giallo chi può risolvere il mistero? Finalmente, dopo tanti anni, grazie ad Amazon Prime ho trovato la risposta a questa domanda. Non svelerò nulla del finale, naturalmente, posso solo dire che il film resta avvincente e divertente fino alla fine grazie ad un’ottima sceneggiatura scritta da George Axelrod (lo stesso di classici come Colazione da Tiffany e Quando la Moglie è in Vacanza) e agli ottimi interpreti. Cybill Shepherd, che aveva già dato prova di essere un’ottima attrice brillante nella spassosa serie tv Moonlighting al fianco di Bruce Willis, regge l’intero film sulle spalle nude (nel senso che per tutto il tempo indossa un inadatto abito da sera) con grazia e fascino, affiancata da un simpaticissimo e cinico (ma solo all’apparenza) Elliot Gould. Anche i personaggi minori sono tutti perfetti, specie i due gentiluomini inglesi che più che della donna scomparsa si preoccupano della partita di cricket. L’equilibrio tra commedia, mistero e dramma (ricordiamo che ci troviamo nella Germania nazista) è perfetto e il film risulta omogeneo e completo nel suo mix tra risate e suspense. Film splendido, che non soffre per nulla del fatto di essere ambientato quasi per intero a bordo di un treno, anzi: divertente, appassionante, da vedere non solo (ma soprattutto) per i nostalgici e per gli amanti del cinema britannico. E per i fan di Angela Lansbury, ovviamente.

Voto: 4 Muffin

Quali sono i vostri blog preferiti (edizione 2020)?

Ho deciso di portare avanti questa bella iniziativa, il Franken-Meme di Nick, l’autore del blog Nocturnia, che permette di segnalare i blog che piacciono di più e che meritano di essere conosciuti. Cinemuffin è un blog nuovissimo (nemmeno un anno di vita) ma mi ha già dato l’occasione di incontrare blogger appassionati, intelligenti e simpaticissimi che meritano di sicuro di essere conosciuti da tutti.

Se gli autori dei blog che citerò lo desiderano (o se qualcun altro desidera farlo) potranno proseguire nel loro blog questa iniziativa, avvisando Nick che intendono parteciparvi.

Il Franken-Meme ha una sola regola: la correttezza. Niente maleducazione, insulti e parolacce. Fate conto di trovarvi nel salotto di una signora elegante all’ora del tè, e se non avete nulla di bello da dire non dite nulla.

Inizio con la categoria dei Must, i blog senza i quali la mia giornata non può proprio partire, un po’ come il quotidiano e il caffè del mattino.

La Bara Volante

Sono una felice “barista” fin dal mio arrivo nella blogosfera e so che ogni giorno, di qualunque cosa decida di parlare, Cassidy offrirà ghiotte notizie sui dietro le quinte con il suo fantastico umorismo.

Il Zinefilo

Solo uno dei numerosi blog di Lucius Etruscus (nemmeno lui sa con esattezza quanti siano!), qui si trovano i film di serie Z ma non solo e si scoprono moltissimi retroscena sulla lavorazione dei film, gli attori, la realizzazione delle scene d’azione e molte altre cose.

La prossima categoria comprende tutti i blog che seguo con regolarità: alcuni sono stagionati, altri nuovi, ma per me ogni cosa è ancora una novità tutta da scoprire.

Una Vita da Cinefilo

Alessio, cinefilo ma anche fotografo, ci offre una serie di potpourri dei film e delle serie tv che ama spaziando tra i generi e le epoche con la competenza e la passione che derivano dalla sua formazione.

In the Mood for Cinema

Blog con un bellissimo nome, ispirato al capolavoro di Wong Kar-wai, in cui Alessandra ci parla senza sbavature di film di vario genere, con un occhio di riguardo per l’horror, e riesce sempre a trovare in tutti qualcosa da apprezzare, proprio come fa un vero appassionato.

Vengonofuoridallefottutepareti

Blog collettivo, ma la maggior parte dei post portano la firma dell’infaticabile Sam, che non teme di imbarcarsi in imprese titaniche come la recensione di tutte le puntate di Star Trek o di X-Files ma parla anche di film vecchi e non, offrendo molte chicche soprattutto del cinema spagnolo, Già, perché Sam pubblica i suoi articoli in italiano, inglese e spagnolo

Solaris

Senza dubbio il blogger più gentile ed educato che conosco, sempre modesto e curioso, la sua passione per la settima arte emerge chiaramente dai suoi articoli e dalle sue recensioni. Il suo blog prende il nome dal film di Tarkovskij che io amo molto ed è stato tra i primi ad attirare la mia attenzione.

Non c’è Paragone

In questo momento Alfonso è occupatissimo con la sua impresa ambiziosa di recensire tutte le pellicole  vincitrici dell’Oscar come miglior film. Per adesso è arrivato al mitico Casablanca ma sarà un gusto seguirlo nel suo viaggio. 

In Central Perk

Lisa pubblica quotidianamente, è semplicemente instancabile e non le sfugge mai una novità! Film, libri, serie tv… tutti recensiti con uno stile fresco e accattivante che non è che la glassa gustosa di una grande cultura appassionata.

Cinema Tv Musica di una galassia lontana lontana

Bobby Han Solo non si prende mai sul serio, ma non per questo il suo blog lo è di meno. Appassionato di cinema, musica e talent show ha ogni giorno una piccola ma saporita chicca per i suoi lettori. Divertimento senza paturnie assicurato.

Wwayne

Può passare anche molto tempo tra un post e l’altro ma non per questo il blog smette di essere vitale, perché ogni nuova pubblicazione genera sempre commenti, confronto e dialogo ricchi e fruttuosi. Stimolante, ogni volta.

Il Blog di Tony – Relax

Austin Dove è un padrone di casa che sa come mettere tutti a proprio agio e dare il la a conversazioni sempre fresche e interessanti. Si occupa di tutto, film, libri, cartoni animati… perfino ricette di cucina!

Pietro Saba World

Pietro è stato così gentile da citare Cinemuffin tra i suoi blog preferiti rispondendo al Franken-Meme. Lui è un divoratore seriale di cinema e serie tv, quindi non lascerà mai i suoi lettori senza materiale di discussione e riflessione. Spesso ci siamo trovati ad avere pareri opposti su di un film, ma il confronto è sempre stato proficuo e la stima reciproca ne è uscita intatta, se non rafforzata.

Matavitatau

Ammetto che molti articoli, soprattutto quelli dedicati alla musica, siano del tutto fuori dalla mia portata, perché Nick ha una conoscenza enciclopedica in questo campo, così come in quello del cinema. E di certo non ha peli sulla lingua!

Per la categoria New Entry ecco qualcuno che però non è di sicuro l’ultimo arrivato!

Ho visto cose

Vincenzo, che io ho conosciuto come uno dei solerti e poliedrici redattori di L’Ultimo Spettacolo, ha dato vita ora a questo suo blog personale da cui mi aspetto grandi cose!

Non ho segnalazioni per la categoria Desaparecidos, bazzico la blogosfera da troppo poco tempo, ma segnalo qui un blog che è rimasto inattivo per un po’ ma che per fortuna è tornato e alla grande:

La Fabbrica dei Sogni

Arwen Lynch era sparita per un po’ per dedicarsi alla sua attività di romanziera ma è tornata con inesauribile energia a raccontarci film di ogni tipo, vecchi e nuovi, con il tono piacevole di una vecchia amica.

Aggiungo una categoria personale, quella dei blog in lingua inglese che seguo con grande interesse:

Paul S. 

Questo è un blog davvero peculiare, il suo autore, Paul, scrive esclusivamente di due attrici che ama tantissimo: Michelle Pfeiffer e Meg Ryan. Paul non solo parla dei loro film ma ne inventa di splendidi, mai realizzati ma che sarebbe stato bellissimo vedere!

Blogferatu

Non conosco il nome dell’autore, di giorno un normale insegnante di inglese ma di notte un appassionato divoratore di cinema horror. Date un’occhiata alla sua Lista di Film Infinita per capire quanto profonda sia la sua conoscenza del genere.

Silver Screenings

Ruth parla con competenza ed eleganza dei vecchi film di Hollywood, i grandi classici, i protagonisti dell’epoca d’oro con sguardi inediti e sempre interessanti sui capolavori che tutti amiamo.

Naturalmente esistono anche altri ottimi blog e blogger che non ho nominato, spero non me ne vogliano e li invito a partecipare comunque alla catena di Nick, se lo desiderano. Detto questo auguro a tutti buona lettura!

The Tournament

Anno: 2009

Regia: Scott Mann

Interpreti: Robert Carlyle, Ving Rhames, Kelly Hu, Liam Cunningham

Dove trovarlo: Amazon Prime

Ogni sette anni si tiene un torneo che vede i migliori assassini del mondo lottare l’uno contro l’altro per stabilire chi sia il migliore tra tutti. A ciascun partecipante viene innestato un chip che permette di localizzarlo in ogni momento e i contendenti vengono seguiti in ogni loro mossa tramite una fittissima rete di telecamere dai ricconi che scommettono su di loro. L’ultimo assassino a rimanere in vita sarà il vincitore, avrà la gloria e un consistente premio in denaro. Questa edizione del torneo si svolge in Inghilterra ed è organizzata dallo spietato Powers (Liam Cunningham), che ha introdotto una variante: i chip non servono più solo da localizzatori ma sono delle bombe programmate per esplodere allo scadere del tempo, per evitare che il gioco si protragga troppo a lungo. Il favorito di quest’anno è Joshua Harlow (Ving Rhames), vincitore della precedente edizione tornato per scoprire l’identità dell’assassino di sua moglie. Ma uno degli altri concorrenti, per muoversi senza essere individuato, si toglie il microchip e lo mette di nascosto nel caffè di un prete ubriacone, padre MacAvoy (Robert Carlyle), che diventa quindi suo malgrado un bersaglio di tutti gli altri assassini…

Per chi avesse visto Death Race, il film con Jason Statham e Tyrese Gibson in cui i detenuti si sfidano in pericolose e rocambolesche corse automobilistiche per la gioia dei telespettatori paganti, ritroverà esattamente lo stesso film ma con le pistole al posto delle auto. Ma sebbene non ci sia nulla di inaspettato in The Tournament il risultato è comunque un film d’azione variegato e divertente, spettacolare quanto basta negli scontri tutti l’uno diverso dall’altro. Vediamo infatti, oltre alle classiche sparatorie, anche ottimi numeri di parkour, bei combattimenti corpo a corpo, scene di inseguimento su autobus a due piani (il torneo si svolge in Inghilterra) e armi non convenzionali di vario tipo. La violenza è tanta ma non è eccessiva per il genere, i personaggi sono molto stereotipati ma riescono comunque ad essere efficaci grazie alla bravura degli interpreti. Robert Carlyle è perfetto come pastore che ha smarrito la fede e trovato la bottiglia che si ritrova coinvolto in qualcosa di pazzesco che però gli permette di ritrovare la determinazione della fede; Ving Rhames è spietato e spaventoso nella sua smania di trovare l’assassino delle moglie incinta (lo spettatore invece lo intuirà sicuramente già nei primi minuti); Kelly Hu è monoespressiva ma bellissima e molto brava nelle scene di combattimento; Liam Cunningham, divenuto famoso come Cavaliere della Cipolla nella serie Trono di Spade, è un opportunista spregevole e manipolatore perfetto come villain della situazione. Un film d’azione adatto per una serata senza pensieri.

Voto: 3 Muffin