Ho Sognato la Famiglia Douglas

Chi si è già trovato, magari attratto dal dolce profumo di muffin appena sfornati, a frequentare questo blog, ormai sa che io, occasionalmente, faccio sogni piuttosto bizzarri legati in qualche modo al mondo del cinema e ai suoi protagonisti.

Forse dovrei decidermi una volta per tutte a mettere meno cioccolato nei miei muffin, ma in fondo mi dispiacerebbe privarmi di sogni così divertenti. 

Spero tanto che anche voi li troviate tali, perchè ce n’è un altro in arrivo!

Questa notte ho sognato che ero diventata una blogger rispettata, famosa e influente; tanto che tutte le star del cinema desideravano incontrarmi, conoscermi… e anche mangiare i miei muffin!

Mi trovavo quindi con un assembramento di attori e attrici nel giardino che strepitavano chiedendo di entrare, invidiosi dei pochi fortunati cui avevo aperto la porta. Tra questi c’erano Kirk Douglas e suo figlio Michael. Se la cosa più carina che mi viene da dire su Michael è che ha sposato una delle donne più belle del mondo, Catherine Zeta-Jones, Kirk invece, a casa Verdurin, è una leggenda. Lui che ha interpretato film assolutamente mitici come L’Asso nella Manica, Ulisse, Ventimila Leghe sotto i Mari, Orizzonti di Gloria, Spartacus, Uomini e Cobra e moltissimi altri non può che essere idolatrato da cinefili vecchia scuola come me e Papà Verdurin: anche se Kirk si è spento lo scorso anno, per noi è come se fosse sempre Ulisse che pesta vigorosamente l’uva per fare (istantaneamente) il vino e addormentare il crudele Polifemo. Per amore di Kirk, e per l’educazione che una Madame non può mai abbandonare, avevo invitato anche Michael a visitare la mia casa e a gustare i miei dolcetti. 

“Non esiste che ogni volta ti mangi tu tutti i muffin!”

Mentre ci trovavamo sul terrazzo, però, Michael era scivolato alle spalle del padre e lo aveva spinto contro la ringhiera, che il poverino aveva sfondato con il suo fisico imponente. Fatto ciò, Michael era scoppiato a ridere, molto divertito dalla sua simpatica burla. Subito dopo, però, una voce si era levata dalla folla accalcata nel giardino: “Guardate, ora c’è un buco nella ringhiera, si può passare!”. Detto fatto, mi sono ritrovata di fronte Ethan Hawke che pretendeva di entrare in casa. Ma io, memore del trauma da lui infertomi con il film Predestination, mi sono infuriata e l’ho cacciato con sdegno, senza nemmeno il beneficio del dubbio o di un muffin ipocalorico.

Ora, non saprei dire se queste mie performances oniriche derivino da quantità troppo elevate di zucchero nel sangue o dalla reiterazione sconsiderata di aberrazioni quali viaggiatori del tempo che deflorano se stessi (vero, Loki?), ma una cosa è certa: la mattina mi sveglio sempre di buon umore.

Chi prova a entrare a casa mia senza permesso

24 pensieri riguardo “Ho Sognato la Famiglia Douglas

  1. Magari sono proprio così movimentate le feste che facevano i due Douglas 😛
    Comunque noto che “Predestination” ti ha segnato profondamente, e il povero Ethan Hawke è ancora lì a infestare i tuoi sogni coi suoi ghirigori temporali auto-celebranti ^_^

    Piace a 1 persona

  2. Ma cosa mangiate la sera, per fare questi sogni … voglio la ricetta! 😀
    Anch’io spezzo un Gladio in favore del buon Michael, che seguo fin dai tempi delle strade di S. Francisco.
    Non era facile dimostrarsi all’altezza di cotanto papà, ma lui con alti e bassi ci ha sempre provato, qualche volta c’è riuscito… ma come sono difficili certe eredità. Chiedere a per conferma a Ethan Wayne.
    Magari si potesse dire lo stesso di Michael per i figli d’arte italici, Gassman, Tognazzi ecc. … a volte la comparazione è delusione, tutta colpa del cognome…

    Piace a 2 people

    1. Hai ragione, certe volte un cognome importante si porta dietro un carico di aspettative che è quasi impossibile soddisfare. Non disprezzo affatto Michael, che secondo me in vita sua ha offerto buone prove d’attore (mi piace per esempio Attrazione Fatale), ma se lo si paragona al padre, per quanto ingiusto possa sembrare, non può uscirne vincitore ai miei occhi… tanto che nel mio subconscio lui spingeva addirittura papà già dal balcone!

      "Mi piace"

      1. Anche ne La legge del capestro c’è un personaggio femminile più potente che mai, ed è soprattutto questo che lo rende un film indimenticabile. Corro a risponderti nel mio blog! 🙂

        Piace a 1 persona

  3. Io adoro il tema sogni, figuriamoci nella variante cinematografica!
    Scherzi a parte sono una che si tortura per trovare significati che poi ovviamente non possono che essere inesistenti oppure ben diversi, proprio come il gioiello del Nilo ad esempio.
    E direi che limitare il cioccolato non è mai una buona idea 😉 😀

    Piace a 1 persona

      1. Aiuto … sugli squali partirei già con il filone cinematografico che d’estate è un classico!
        Invece l’acqua dei miei sogni è sempre quieta, lenta, però finisce con il riempire tutto l’ambiente circostante o quasi, senza però mai sommergere … mi ci torturo da tantissimo: ci sono molte teorie, ma il campo dei sogni è talmente personale, oltre che intricato e complicato, che suppongo non ne uscirò …

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.