Io & Sherlock Holmes – Parte 1

Basil Rathbone nei panni di Sherlock Holmes

Il mio rapporto con l’investigatore più famoso del mondo è sempre stato difficile ed ha avuto fasi alterne. Il primo approccio è stato indiretto ed è avvenuto tramite il lungometraggio Disney del 1986 Basil l’Investigatopo, in cui il topo protagonista era un investigatore che abitava proprio sotto al famoso numero 221b di Baker Street, dimora del celebre detective londinese nato nel 1887 dalla penna della scrittore Arthur Conan Doyle.

Nel cartone il personaggio di Basil è ricalcato su quello di Sherlock, soprattutto nella sua trasposizione cinematografica in cui è stato interpretato in ben quattordici film dall’attore inglese Basil Rathbone (da cui prende anche il nome). Nel film Disney compare tuttavia anche lo stesso Sherlock Holmes, o meglio, si vedono la sua ombra e quella del Dottor Watson mentre si preparano ad andare ad un concerto. “Questa musica è introspettiva e voglio essere introspettivo” dice Sherlock. “Ma Holmes” risponde Watson “Quella musica è terribilmente noiosa!”. Ho scoperto solo più tardi che, nella versione originale, la voce di Sherlock Holmes era proprio quella di Basil Rathbone (tratta da materiale d’archivio in quanto l’attore era morto nel 1967), mentre l’antagonista di Basil, il malvagio Professor Rattigan (ispirato alla nemesi letteraria di Sherlock, il Professor Moriarty), è doppiato da Vincent Price. Dunque, per molti anni, per me Sherlock Holmes non è stato altro che quell’ombra che dichiarava con serietà “voglio essere introspettivo”. Quando più tardi mi sono appassionata al genere letterario giallo è successo esclusivamente attraverso Agatha Christie, di cui in pochi anni ho letto la maggior parte dei romanzi e dei racconti. In virtù di questo mio grande amore per il genere, sembrava naturale che leggessi anche i libri del grande Conan Doyle e non avevo dubbi che mi sarei innamorata del personaggio di Holmes come lo ero di Miss Marple e soprattutto di Hercule Poirot. Decisi di iniziare dal principio e lessi il primo romanzo in cui compariva Sherlock Holmes, Lo Studio in Rosso, rimanendone cocentemente delusa. Infatti quello che amo di più dei gialli di Agatha Christie è che è sempre (con pochissime eccezioni) possibile indovinare il colpevole, o almeno tentare di farlo: il lettore svolge la sua indagine parallelamente all’investigatore, ha i suoi stessi elementi ed indizi e ha sempre la possibilità di giungere alla soluzione prima della conclusione. In Conan Doyle invece non è affatto così, Sherlock risolve il caso basandosi su indizi di cui il lettore non è a conoscenza e il colpevole a volte è un personaggio che non era mai comparso prima nella narrazione (come afferma con livore Lionel Twain/Truman Capote in Invito a Cena con Delitto).

Feci un altro tentativo con quello che forse è il romanzo più famoso, Il Mastino dei Baskerville, poi mi arresi: Sherlock Holmes non faceva per me; Conan Doyle, invece, lo rivalutai qualche anno dopo quando si rivelò inaspettatamente bravo nel raccontare di avventure e di dinosauri. Per molto tempo io e Sherlock Holmes abbiamo proceduto su strade separate, che però sono tornate inaspettatamente a incrociarsi quando Guy Ritchie ha girato il suo Sherlock Holmes, con Robert Downey Jr. nei panni dell’investigatore e Jude Law in quelli del fedele Watson.

Sembrava un’operazione alquanto azzardata, la sua, e invece mi ha davvero conquistata col suo mix di azione e ironia (chi è già stato su Cinemuffin ormai sa che Ritchie come regista mi piace molto proprio per questo). Se non ho gradito affatto la metamorfosi sancita da Kenneth Branagh per il suo Poirot, lo Sherlock di Ritchie invece mi è piaciuto molto più di quello dei libri di Conan Doyle e mi è piaciuto, appena meno del primo, anche il secondo film, Gioco di Ombre (la presenza del caro Stephen Fry nei panni di Mycroft, il fratello di Sherlock, probabilmente ha il suo peso). Similmente ho amato, almeno per le prime stagioni, la serie tv Sherlock, con i talentuosissimi Benedict Cumberbatch e Martin Freeman, che vince con onore la sfida di trasportare le avventure di Sherlock Holmes ai giorni nostri.

Dopo questa blasonata doppietta per un po’ mi sono distanziata da Sherlock, finché non mi sono imbattuta, poco tempo fa, in una serie tv targata Netflix, Gli Irregolari di Baker Street. In quel momento cercavo una visione leggera, e quelle otto puntate con investigatori in erba, interpretati da giovani attori sconosciuti che si trovano in qualche modo coinvolti nelle indagini di Sherlock Holmes e Watson sembrava una buona idea… E invece no! Non so da dove cominciare a elencare i difetti di questa serie, perché ce ne sono a tutti i livelli. L’idea di fondo, quella di una banda di ragazzini di strada di cui Sherlock Holmes si serve nelle proprie indagini ha le sue radici negli stessi romanzi di Conan Doyle ed è già stata portata in teatro e sullo schermo in passato. Qui però si è voluto esagerare. Inverosimiglianze storiche, per cui quattro ragazzini orfani possono vivere sereni nel centro di Londra in un ampio e comodo rifugio coperto con cucina e soppalco, o un servitore invita il suo nobile padroncino a soddisfare le sue voglie adolescenziali con un’altra ragazza di nobile famiglia anziché con una popolana. La decisione, sbagliata da ogni punto di vista, di far entrare in gioco il soprannaturale, gestito male sia dalla sceneggiatura che dagli effetti speciali e facendosi beffe della più celebre massima di Sherlock Holmes: “Eliminato l’impossibile, ciò che rimane, per quanto improbabile, dev’essere la verità”. Per far capire quanto brutta possa essere questa serie basta uno sguardo all’ambientazione dei sogni ricorrenti della protagonista, dotata di poteri psichici, che tanto ricorda la capanna dello Zio Tom.

La Capanna dello Zio Tom, anche quella in Baker Street

Il finale a sorpresa non sorprende proprio nessuno, i personaggi non hanno spessore e le relazioni tra loro sono traballanti, tanto da chiedersi cosa li spinga a fare le cose che fanno. E infine, il casting cosiddetto “daltonico”: il Dottor Watson è di colore, così come uno degli Irregolari (sarà un caso, ma è quello meno caratterizzato di tutti, come viene esplicitato nell’ultimo episodio, in cui è l’unico di cui non vediamo materializzarsi le paure più profonde perché, immagino, gli sceneggiatori non le avevano pensate), e le due ragazze protagoniste sono due sorelle, una con gli occhi azzurri e una con i tratti orientali. Naturalmente questa è una scelta che, anche se storicamente e biologicamente poco credibile, si potrebbe anche accettare; più difficile è abituarsi all’idea che Watson sia innamorato di Sherlock (anche questo dovrebbe essere un colpo di scena ma non serve certo essere Sherlock Holmes per capirlo già al primo episodio – anzi a dire il vero Sherlock è proprio l’unico a non capirlo). Insomma, una catastrofe: che Sherlock Holmes vi piaccia o meno, tenetevi alla larga da questa serie, di cui è già stata cancellata, fortunatamente, la seconda stagione. Dopo questa pessima esperienza, avevo bisogno di riabilitare il Detective di Baker Street ai miei occhi. E soprattutto avevo bisogno… di una bella risata!

Alla prossima puntata!

Stephen Fry nei “panni” di Mycroft Holmes

18 pensieri riguardo “Io & Sherlock Holmes – Parte 1

  1. Contentissimo di scoprire che non sono il solo ad aver vissuto una “vita separata” da Holmes, personaggio che non mi è mai interessato, e anzi quando da ragazzino mi capitava qualche suo film lo trovavo tremendamente noioso.
    “Basil l’investigatopo” fu così pompato alla sua uscita italiana che ho dovuto vederlo per forza, anche se onestamente non è scattata alcuna scintilla: ma davvero l’hanno doppiato con materiale d’archivio del vero Basil? Che lavoraccio! 😀
    I film di Ritchie li ho visti ma anche lì, nessuna scintilla, sebbene siano decisamente dei prodottini al bacio: non amo le trame che sceglie, ma Ritchie lo considero un genio visivo di grande talento.
    La serie che citi non avevo la minima intenzione di vederla e adesso mi hai fornito anche un motivo ^_^
    Parlerai di “Sherlock” con Benedict Cumbercomesiscrive? Malgrado la mia più totale diffidenza, mi sono innamorato follemente di quella serie, anche se per me ha solo tre stagioni. La quarta non esiste, non esisteeeeeeeee! 😛

    Piace a 2 people

    1. Ritchie mi piace davvero molto come regista e anche i suoi film su Sherlock Holmes li trovo molto ben riusciti. Per il cartone Disney (che a me piace molto) hanno usato la voce di Rathbone per doppiare Sherlock Holmes, giusto un paio di frasi ma quando lo scopri è divertente. Anche a me piace molto la serie Sherlock, ma come dici tu andando avanti con le stagioni diventa decisamente insostenibile. Ma per scoprire se ne parlerò devi aspettare il prossimo capitolo (spero domani, dipende dagli eventuali effetti collaterali del vaccino…)

      Piace a 2 people

      1. Anche tu neo-vaccinata???? Io ho fatto la mia prima dose stamattina e sto sempre sul chi vive: tornando a casa mi prudeva il braccio e m’è preso un colpo: so’ troppo ipocondriaco per vivere bene questa cosa 😀
        Nel secondo Holmes di Ritchie poi c’è la mia amata Noomi Rapace nel ruolo di Irene Adler: diciamo che la mia attenzione era per lei molto più che per il dinamico duo di protagonisti 😛

        Piace a 2 people

  2. Cosa sei andata a toccare! Uno dei miei personaggi letterari preferiti! Allora, sicuramente hai molto di più da dire, visto che è solo la prima puntata, ma ecco un po’ di pensieri che mi ha generato leggere il tuo post…

    I libri di Doyle non sono il miglior materiale su Holmes che ha prodotto : i racconti sono sicuramente superiori. Di Doyle ho letto tutto (inclusi i suoi dinosauri), e per me niente arriva alla qualità dei racconti di Holmes.

    Poi anche io ho apprezzato lo stravolgimento di Ritchie, e pure le prime due stagioni di Sherlock (poi pende una deriva assurda e abbastanza insopportabile, purtroppo). Ma soprattutto io ti consiglio la serie della Granada TV che è davvero splendida e molto fedele al materiale originale!

    Per ora mi fermo qui vado alla tua seconda puntata!

    Piace a 1 persona

    1. Proverò a leggere qualche racconto allora, in effetti ho letto solo quei due romanzi: Agatha Christie ha scritto bellissimi racconti su Poirot, quindi potrebbe averlo fatto anche Doyle sicuramente. Ma quanto bello è Il Mondo Perduto, quello mi è piaciuto davvero tanto! Concordo sulla serie Sherlock, iniziata davvero splendidamente ma poi, andando avanti, ha preso una piega davvero grottesca.

      Piace a 1 persona

      1. Il mondo perduto è splendido, concordo! Doyle pensava che i suoi scritti non su Sherlock Holmes fossero le sue opere migliori. Io non la penso così, ma mi sono comunque goduto tutto ciò che ha scritto, era veramente un grandissimo scrittore!

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.